NUOVI Dior Lip Glow Oil, una passione!

17 Giugno 2020

L’avreste mai detto voi che un domani sareste diventati Dior-dipendenti? Io no. Decisamente no.
Mi sono sempre piaciuti i cosmetici low-cost, alcuni mi piacciono tantissimo tuttora e sono un must nella mia “collezione”, oltre che nella mia routine. Eppure, da quando ho scoperto i Lip Glow Oil non me ne separo più.


Nota: sto riscrivendo l’articolo per la trecentesima volta perché WordPress ha pensato bene di darmi problemi con l’ultimo aggiornamento. Grazie, tecnologia!

Allora, cosa sono questi Dior Lip Glow Oil?
Si tratta di olii nutrienti per le labbra, infusi di olio di ciliegia, che hanno molteplici funzioni: possono essere usati come primer prima del trucco, come semplice idratante, o applicati sopra un rossetto qualsiasi, a mo’ di gloss. L’effetto, in tutti i casi descritti, è quello di labbra bagnaterimpolpate, e soprattutto sane.
Personalmente, li utilizzo più frequentemente da soli, sia il giorno (vabbè, non esco dal 25 febbraio ma parlavo di situazioni normali) che la sera, come trattamento notturno. Insomma, va bene che con la mascherina è tutto difficile dal punto di vista del rossettame, ma mica butto la roba.

Il packaging esterno è quello classico, con la scatolina argentata, con il logo visibile nella parte frontale e il codice colore stampato in alto.

Lip Glow Oil sono contenuti in boccette trasparenti lucide, che consentono di ammirare – letteralmente – la bellezza del prodotto. Il tappo è quello caratteristico del brand, specchiato color argento, molto chic ma anche molto attira-polvere. La cosa più particolare resta l’applicatore gigante, molto pratico e maneggevole, perfetto per una stesura rapida e omogenea.

ATTENZIONE: lo stopper è molto grande, come quello degli olii Clarins, perciò evitate di lasciare il prodotto aperto E rovesciato perché fuoriesce. Lo dico per esperienza diretta.

Le referenze colore disponibili sono sette, di cui due inedite. Hanno tutte lo stesso profumo di ciliegia e, dopo l’applicazione, lasciano sulle labbra un leggerissimo aroma mentolato. Nulla a che vedere con gli attivi rimpolpanti degli Psygloss Mulac Cosmetics, quindi rinfrescanti sì, ma in maniera molto delicata.

Nel tempo ho accumulato varie tonalità, acquistate tutte a saldi e/o con l’aiuto di grossi codici sconto. È vero che parliamo di 6ml di prodotto, ma il prezzo si aggira sempre sui 35 euro, facendo una media.
Il Lip Glow Oil 001 – Pink è il colore classico Dior, praticamente trasparente. A seguire abbiamo lo 007 – Raspberry, un rosa più intenso ma di nuovo poco pigmentato. Lo 006 – Berry è un color mora per nulla scuro, che anzi vira al rosa violaceo. Infine lo 015 – Cherry, il mio preferito in assoluto, un bel rosso semi trasparente che dona alle labbra quel tanto di vitalità in più. È diverso da Fake, più rosa e scrivente.

001 – Pink

 

006 – Berry

“Ma sono tutti uguali!”, direte voi. In realtà, no.
Sul sito ufficiale, infatti, dicono che

“Grazie alla tecnologia Color Reviver, Lip Glow Oil reagisce direttamente al tasso di umidità delle labbra per dare vita a una colorazione su misura assicurando al tempo stresso un’idratazione continua. A 5 giorni dall’applicazione, le labbra sono più belle anche quando non sono truccate”

Gli swatches che vedete, sia in foto che in video, sono piuttosto freschi. Dopo qualche minuto, il colore inizia a modificarsi leggermente.

Tirando le somme, è un prodotto che mi sento di consigliare ad occhi chiusi.
Ho letto lamentele sul fatto che sia appiccicoso, ma io non riscontro questo problema. Anche la durata è buona, per essere un prodotto ibrido fra balsamo idratante e olio labbra.
L’unico colore che non mi convince, e che va a ruba, è il corallo. Lo vedo troppo aranciato per me.

LINK UTILI:

Dior Lip Glow Oil

in media 35€
8

Packaging/Estetica

10.0/10

Payoff/Scrivenza

6.0/10

Selezione colori

6.0/10

Texture

10.0/10

Durata

8.0/10

Pros

  • Non appiccicoso
  • Idratante
  • Profumazione non invasiva
  • Effetto lucidissimo
  • Pratico e compatto

Cons

  • Stopper enorme
  • Prezzo (ma di listino)

articolo precedente

ClioMakeUp #LiquidLove: tutti i miei nude!

prossimo articolo

KIKO Unexpected Paradise VS Huda Beauty: habemus dupe?

close

Se ti è piaciuto il blog, passa a trovarmi qui!