Kiko Clics System: la mia palette personalizzata!

29 Luglio 2014

Articoletto semplice semplice, per farvi vedere la mia palette Kiko componibile grazie al Clics System.
Okay, ma che vordì?
Finalmente avremo la possibilità di scegliere quali ombretti portare sempre con noi intercambiandoli con un semplice clic!

Kiko Clics System
Fuori ci sono 17 gradi e sta piovendo, quindi direi che la palette è in perfetta armonia con il mio stato d’animo del momento.
È un acquisto non recente, ma ci tenevo a dire la mia.
Inizialmente volevo scegliere più colori, ma la mia coscienza l’ha fatta da padrona. Soprattutto, molte delle tonalità disponibili mi sembravano simili, se non identiche, a quelle che già possiedo. Probabilmente sono state riformulate, quindi non aveva senso acquistare una serie di doppioni.

Kiko Clics System 200 206 260 275
Dopo un’accurata ricerca, ho deciso di buttarmi su colori che non possiedo: un bianco scrivente, un blu elettrico degno di questo nome, un arancione medio e un verde lime come si deve.

Kiko Clics System swatches
Top L-R: 200-206 || Bottom L-R: 260-275

L’arancione e il verde presentano micro glitter che, se non tenuti a bada da un buon primer (nel mio caso la Glitter Glue di Too Faced), se ne vanno a zonzo per l’eternità, brillando di luce propria.
Il payoff non è eccelso, ma non è scarso come quello di alcuni ombretti singoli usciti in precedenza. Considerate che i miei swatches sono fatti SEMPRE senza base/primer sotto, su pelle asciutta e pulita.
Il blu è decisamente il più bello fra i quattro.

Kiko Clics System swatches
L-R: 200 Bianco Candido, 206 Arancio Macroperlato, 260 Verde Anice Macroperlato, 275 Blu Elettrico Mat

Credo che non ne acquisterò altri, ma solo perché ne ho già tanti dei vecchi (che continuo a preferire).
Gli ombretti del sistema Clics sono più morbidi e vellutati al tatto, ma sono anche molto più polverosi e meno pigmentati.

Quanto alla Kiko Clics System palette, ho apprezzato la chiusura a scatto, che fino ad oggi è stata a prova di tutto.
Mi piace che le varie cialde si possano prelevare (e quindi intercambiare con altri colori) in modo davvero semplice, grazie alla linguetta vuota.
Mi piace che la palette sia davvero leggera, cosa da non sottovalutare quando si viaggia o la si ripone in borsa.
Mi piace che abbia uno stile molto lineare, minimal, pulito.

Non mi piace, invece, che non sia dotata di specchio. Di certo l’avrebbe resa pesante, ma sarebbe stato utile.
Non mi piace la storia delle etichette doppie, ma io non sono una fan delle etichette in generale.
E non mi piace che nella sua semplicità sia un mattone, decisamente troppo spessa.
Senza contare che è necessario aprirla per vedere che colori contiene
Infine, non mi piace PER NULLA il fatto che non sia adatta a contenere i vecchi ombretti singoli. Kiko, suvvia!

Voi che ne dite? Come avete composto le vostre Clics? Avete trovato differenze con le vecchie colorazioni?

[wpcd_coupons_loop count=2 vend=’1031′ temp=’one’]

Link utili:

1 Comments

  • Kiruna Lux

    30 Luglio 2014 at 08:47

    Quel blu è proprio bello! Io non ne ho presi, sono ancora sommersa in quelli vecchi, ho quintali di ombretti da far fuori…

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

articolo precedente

Kiko Boulevard Rock VS Fierce Spirit

prossimo articolo

Kiko Haute Punk: Luscious Punk Satin Lipstick

Idea regalo etica e sostenibile. 🐝

🍯 Monitora lo stato di salute delle tue api e gustare miele artigianale e genuino. 

🎁 Progetta le api e l'ambiente e regala un alveare a chi vuoi. 

🌿 Fai un gesto concreto per le api e per l'ambiente. 

💸 Solo per te uno sconto su tutti gli alveari con il codice savebee5

close

Se ti è piaciuto il blog, passa a trovarmi qui!