Colourpop: quando l’acquisto online non conviene granché.

16 Aprile 2019

Qualche tempo fa, vi spiegavo come fare acquisti online da Colourpop, tramite il loro sito ufficiale.
Oggi parleremo del disastro che si è verificato dopo 4 mesi di dogana maledetta – non vi dico quanto ho tribolato per inviare i documenti, che è meglio.
E sì, ho già provveduto al rimborso.
Comincio subito a lamentarmi dello stato in cui è arrivato Bouncy, un Super Shock Shadow bellissimo, bronzo con glitter multicolor e dei riflessi verdognoli che forse vedo solo io.

Colourpop Bouncy Super Shock Shadow

Ecco cosa succede quando la merce non viene consegnata subito e, con molte probabilità, non è stata chiusa bene. SI SECCA.
Un punto a favore di alcuni prodotti Colourpop, come nel caso degli ombretti in pot, è che si ricompattano senza difficoltà. Basta premere col dito e tornano quasi come nuovi… come il pongo. Peccato che quantitativamente sembra esserci una certa discrepanza fra quello che ho ordinato e quello che ho ricevuto.

Colourpop Super Shock Cheek Pearlized Highlighter (Zodiac LE) L-R: Fire, On The Cusp
Colourpop Super Shock Cheek Pearlized Highlighter (Zodiac LE) L-R: Fire, On The Cusp

Due casi simili sono gli illuminanti della collezione Zodiac, in collaborazione con KathleenLights. Questa ragazza potrebbe vendermi anche sua madre e io la comprerei, maledizione.
A sinistra vedete sempre Fire, un dorato con spiccati riflessi caldi; a destra On the Cusp, un oro champagne abbastanza neutro. Stesso discorso: sono evaporati o si sono solo spiaccicati? Rispetto a Bouncy devo dire che sono più performanti, nonostante tutto.

Colourpop Jelly Much - Wavelength || Glitterally Obsessed - Eternal Sunshine
Colourpop Jelly Much – Wavelength || Glitterally Obsessed – Eternal Sunshine

I pezzi forti sono questi: un Jelly Much e un Glitterally Obsessed che presi per curiosità, dato l’hype che li circondava. Ma quando mai.
Wavelength, il colore opalescente che riflette rosa, è completamente andato. Gomma pura, altro che ombretto in crema.
Eternal Sunshine doveva essere una sorta di gel trasparente con glitter blu e viola, invece è una poltiglia biancastra piena di glitter che si sentono addosso come se stessi applicando uno scrub.

Mi sento di salvare esclusivamente gli illuminanti, per il resto sono molto incazzata.
A chi volesse rispondere che “Non è colpa di CP se le Poste sono lente come al solito” dico che invece sì, è anche colpa loro. Nel 2019 esistono mille tipologie di spedizione, trovassero un accordo con qualcuno e usassero i corrieri. Non solo devi aspettare il miracolo per avere i prodotti a casa, ma devi pure pagare (e non poco, di solito).
Con Lime Crime non ho mai avuto mezzo problema.

Fra l’altro, nel pacco c’erano anche altri prodotti fra cui un gloss, appartenente a un bundle (sempre di Kathleen). Bello il colore, bello tutto, però puzza. I gloss di CP puzzano di chimico? Non ne ho mai acquistati separatamente, quindi non so se è una caratteristica del prodotto o se è andato a male pure quello.
Se non altro avevo acquistato tutto a prezzi veramente molto ridotti, consoliamoci così…

Che delusione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

articolo precedente

Mamma, da grande voglio fare l'influencer! O forse no.

prossimo articolo

Di rossetti e di altri racconti fantastici: into the burning mind.

close

Se ti è piaciuto il blog, passa a trovarmi qui!