⚠️11 cose utili da fare in quarantena⚠️

3 Aprile 2020

Sarò onesta: non capisco la gente che scalpita durante la quarantena, fatta eccezione per situazioni particolari che includono persone sole, disabili, figli a carico, eccetera.
Alla fine, come dicono i meme, ci stanno chiedendo di stare a casa. Certo, l’ho detto forse anche nel post precedente, economicamente è un problema, ma si parla di campare VS morire. Io preferisco campà, anche povera.
In ogni caso, noto questo trend dei suggerimenti su come intrattenersi in queste giornate scurissime. Siccome io sono abituata sin da piccola a gestirmi a casa da sola, e quindi a trovare diversivi, voglio contribuire alla causa proponendo qualche idea. Magari può essere di spunto per qualcos’altro, specialmente per le categorie speciali di cui sopra.

covid 19

  1. La prima cosa, banalissima, che mi viene in mente è… guardare serie TV. O recuperare quelle rimaste indietro per via degli impegni. Lo sappiamo tutti che Netflix è il portale della perdizione, ma sappiamo che ha delle limitazioni. Beh, la soluzione esiste e si chiama… VPN. Dopo aver letto l’articolo dedicato, io un pensierino ce lo farei, soprattutto perché con SurfShark avete a disposizione cataloghi Netflix provenienti da mezzo mondo. Avete capito bene: collegandovi ai server statunitensi, per esempio, vedrete film e serie tv che qui non sono (o non sono ancora) disponibili, e in maniera legale. La stessa cosa vale per altri Stati – maggiori informazioni qui. Il prezzo, rispetto ai competitor, è ottimo: inserendo il codice MIKI20 a carrello, pagherete 1.79€ al mese per 24 mesi, circa 43€ contro i 238€ del prezzo pieno. Uso la VPN da novembre 2019 su tantissimi dispositivi e con grande soddisfazione, vedete voi 😛
  2. Se non siete fan di Netflix, cosa di cui dubito, ci sono sempre alternative valide. Amazon Prime Video offre un vasto catalogo e mi permetto di dire che è anche abbastanza particolare, più di nicchia. Trovate anche i classici e la cosa bella è che avete 30 giorni di prova gratuita. I fan di American Gods e The Man in the High Castle sanno di cosa parlo.
  3. Anche disegnare aiuta. Da un po’ uso Procreate, software iOS per digital painting che dà filo da torcere a Photoshop. Lo strumento base per disegnare, oltre a un iPad e una Apple Pencil, sono i pennelli inclusi nel programma. L’app consente anche di customizzare i pennelli in base alle proprie esigenze, e per questo motivo molti artisti di tutto il mondo vendono i propri su varie piattaforme, tipo Gumroad (usare codice summer per il 20% di sconto). Io non sono affatto una professionista, miro a migliorare perché lo trovo interessante e poi chissà, se un domani divento ricca ve lo faccio sapere. Sicuramente.
  4. A proposito di digitale, conoscete Skillshare? È un sito che offre corsi online, a pagamento e non, di qualsiasi genere. Potete imparare a usare Procreate, studiare le lingue, farvi spiegare come funziona un determinato programma, acquisire nozioni di marketing o di lettering, capire come si fa la maglia… Ragazzi, c’è di tutto. E l’account premium non è obbligatorio.
  5. Parlando di maglia, sapete cosa sono gli amigurumi? Da circa un annetto mi dedico saltuariamente alla loro realizzazione, fra una sciarpa e l’altra. Trovo che sia molto rilassante e soprattutto è un’attività che può essere interrotta e ripresa a piacimento, perfetta per la quarantena. Questi pupazzetti in stile cartone animato sono divertenti da realizzare e generalmente hanno schemi molto semplici. Su Etsy esistono pattern a pagamento che potrebbero rivelarsi interessanti.
  6. Sfatiamo un mito: la settimana enigmistica non è roba per vecchi. Alleniamo il cervello, prima che ci si atrofizzi. Facciamo la quarantena intelligente.
  7. Allenarsi sì, ma con cautela. Il che non è molto diverso da quello che si predica da quando esiste l’home fitness. Le palestre sono chiuse e a casa si mangia di più, spesso anche peggio. Un po’ di sano movimento fa sempre bene, se c’è la giusta motivazione dietro (cioè che fa bene alla salute, che ci si vede meglio con qualche chilo in meno, senza esagerare, ecc. NON che poi possiamo sculettare felici al mare per farci notare come dei macachi al sole). Prima o poi ricomincio anche io, se non voglio continuare a rotolare…
  8. Sistemate l’armadio, tanto si va inesorabilmente verso il caldo di merda.
  9. Sistemate i trucchi: oh, fa sempre parte del metodo Marie Kondo, rivisitato per la quarantena.
  10. Vorrei tanto dirvi “truccatevi per stare a casa in quarantena”, ma va contro i miei principi base.
  11. Inviate segnalazioni a Netflix e Sky per i sottotitoli fatti male. Generalmente non li uso, ma ho deciso di attivarli per curiosità e mi ritrovo a leggere amenità di ogni tipo. Ma cosa vuol dire che “means to an end” me lo traduci con “un mezzo per un fine”?! Ma cosa insegni alla gente che sta a casa?! Se penso che hanno sempre sdegnato il fansubbing… poveri noi.

Comunque sia, STATV A CAS.

Per chiudere, vi lascio qualche link utile:

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

articolo precedente

⚠️Lo shopping ONLINE ai tempi del COVID-19⚠️

prossimo articolo

Colourpop Super Shock Shadow Swatch party!

close

Se ti è piaciuto il blog, passa a trovarmi qui!